Mission

La storia

La Federazione Italiana di Cardiologia (FIC) è l’organo rappresentativo della Cardiologia Italiana, in Italia e all’estero. Raggruppa circa 8000 iscritti.

Nel 1935 è stata fondata la SIC come prima associazione italiana di cardiologi ed ha giocato un ruolo chiave nella separazione della Cardiologia come branca indipendente della Medicina Interna. Nel 1963 è stata creata la Associazione Nazionale dei Medici Cardiologi Ospedalieri (ANMCO), per soddisfare la crescente domanda della pratica cardiologica.

Successivamente il progressivo sviluppo e differenziazione degli aspetti tecnici e clinici delle malattie cardiovascolari hanno portato alla creazione di numerose società scientifiche di settore, alcune originate dalla SIC, dall’ANMCO, o da entrambe, altre indipendenti.
Questo notevole, multiforme sviluppo della cardiologia italiana riflette il peso crescente delle malattie cardiovascolari ed il successo nella loro diagnosi, terapia e prevenzione.

Tuttavia una notevole, rapida crescita tende a generare frammentazione.

Nel 1998 i saggi leader di SIC e ANMCO hanno avuto la visione dell’immenso potenziale di una cardiologia italiana unita che si presentasse con una unica voce: così è nata la Federazione Italiana di Cardiologia (FIC), che raggruppa ANMCO e SIC e le società scientifiche cardiovascolari di settore, con il suo giornale ufficiale “Italian Heart Journal” (ora ulteriormente internazionalizzato, evolvendo nel “Journal of Cardiovascular Medicine”)